Il migliore piano cottura in vetroceramica 2020

Qual è il miglior piano cottura in vetroceramica sul mercato?

Guida all'acquisto, Recensione e Opinioni

Il modo di cucinare è cambiato, ma ci sono ancora delle persone che continuano ad utilizzare le stufe a gas, sebbene, in verità, la maggior parte delle persone sia più incline ai piani cottura in vetroceramica.

A chi non piace avere un piano cottura in vetroceramica e tenerlo pulito? Si tratta di uno dei vantaggi di un piano cottura in vetroceramica.

In questo post effettuo uno studio sui migliori piani cottura in vetroceramica, per scoprire quello che più si adatta alle tue esigenze.

Confronto fra le migliori piastre in vetroceramica del 2022

Table setup not completed.

Suggerimenti per la scelta di un buon piano cottura in vetroceramica

Per sapere quale piano cottura in ceramica acquistare, dovresti prendere in considerazione alcune indicazioni, come, ad esempio, i diversi modelli e caratteristiche di ciascuno di essi:

  • Verifica le dimensioni: quando scegli un piano cottura in vetroceramica devi verificare le sue dimensioni, di modo che sia idoneo per lo spazio disponibile in cucina. Solo in questo modo sceglierai quello più adatto alle tue esigenze. Questo aspetto ti permetterà inoltre di decidere quanti fuochi dovrà possedere. Ad esempio, se hai una famiglia molto grande, avrai bisogno di 4 o anche 6 fuochi.
  • Potenza: un buon piano cottura a induzione deve disporre di una potenza di almeno 900 W, in questo modo si riscalderà più velocemente. Ovviamente, più fuochi ha la piastra, maggiore è la potenza.
  • Sicurezza: dovrà disporre di un sistema di bloccaggio che impedisca l’accensione accidentale, di un timer e di una funzione di autospegnimento. Quindi, non vi sarà rischio di ustioni o incendi in casa.
  • Facile da pulire: per scegliere un buon piano cottura, sarà necessario tenere presente la semplicità della pulizia. Per questo, è importante acquistare un prodotto di un marchio riconosciuto, in quanto garantisce l’utilizzo di materiali resistenti e durevoli.
  • Prezzo : se vuoi acquistare un buon piano cottura a induzione, dovrai essere disposto a investire più denaro, tuttavia, vi è la possibilità di acquistarlo in un negozio online, dove potresti ottenere grandi offerte e risparmiare qualche soldo.

Quanto dovrei spendere per un piano cottura in vetroceramica?

Le ceramiche in vetro per cucina, quelle di qualità superiori, sono realizzate nel rispetto dell’innovazione e utilizzano materiali di alta qualità; inoltre, si raccomanda di verificare che rispettino le norme di sicurezza. Ovviamente, tutti questi fattori ne accrescono il costo:

  • Piastre in vetroceramica più economiche (meno di € 200) – In generale soddisfano le funzioni di riscaldamento rapido e dispongono di sistemi di sicurezza di base. Tuttavia, talvolta possono riscaldare l’intero piatto, anche con un solo fuoco.
  • Piatti in vetroceramica di qualità migliore (oltre € 200) –  Si riscaldano molto rapidamente, quindi ti permettono di risparmiare tempo durante la cottura. Dispongono di almeno un fuoco extra large, ideale per l’utilizzo di pentole di capacità maggiore. Offrono la funzione di disconnessione automatica e i pannelli sono digitali.

Quale piano cottura in ceramica dovrei acquistare?

1
Teka TB6315 Incasso Ceramica Nero
  • Touch Control
  • Programmatore del tempo di cottura.
  • 3 zone (Ø145 mm + Ø180 mm + Ø210/270 mm)
  • Funzione colpo di cottura.
  • Funzione cronometro con avviso acustico.
2
Balay 3EB865FR piano cottura Nero Incasso A induzione
  • La rapidità e la pulizia della cucina hanno un nome: induzione
  • Goditi la cucina al grande nella sua area gigante da 28 cm
  • Cucina comodamente con il controllo touch di facile utilizzo e le sue funzioni utili: memoria, avvio automatico, allarme
  • Se vuoi bollire l'acqua senza perdere tempo, accelera il riscaldamento con la funzione sprint
  • Con la funzione di programmazione è impossibile che ti sciolti; il riso al suo punto e la pasta al dente
3
Infiniton VITRO316, Piano di lavoro in vetroceramica, elettrico, 3 zone, 60 cm, touch, 3000 W, nero
  • L'installazione del prodotto non è inclusa.
  • Piano di lavoro in vetroceramica 3 fuochi
  • 60 larghezza (standard)
  • Funzione Slider
  • Funzione Boost
4
Teka TZ6415 Incasso Ceramica Nero
  • CON QUATTRO ZONE DISTINTE: il piano cottura Teka 4 fuochi dispone di 4 diverse zone di Ø145 mm, Ø145 mm e Ø180 mm e Ø210 mm e con una potenza nominale massima di 6300 W. Dispone anche di funzione cronometro con avviso acustico per poter cucinare in modo più semplice tutte le tue lavorazioni
  • UN GRANDE AIUTO PER CREARE LE TUE MIGLIORI RICETTE: il piano cottura rettangolare con vertici arrotondati ha un programmatore del tempo di cottura per aiutarti nella cottura, tecnologia Touch Control che consente di gestire il tuo piano cottura con un solo tocco e funzione colpo di cottura che regola la temperatura dei fuochi adattandosi alle esigenze di ogni ricetta
  • FACILE INSTALLAZIONE: la piastra in vetroceramica quattro fuochi è dotata di un sistema di facile installazione Fast-Click, un innovativo e semplice sistema di ancoraggio che consente di fissare rapidamente la piastra in un solo click. Inoltre, si adatta a qualsiasi spessore o materiale su cui è realizzato il cavo di incastro
  • MATERIALI DI PIÙ ALTA QUALITÀ: tutti i prodotti Teka sono realizzati con materiali di altissima qualità che ne garantiscono il corretto funzionamento e la durata in modo che la tua casa sia sempre attrezzata con i migliori prodotti da cucina
  • Design adatto a te: oltre a funzionalità, grazie ai suoi design curati, tutti i prodotti Teka si adattano perfettamente al resto dei mobili ed elettrodomestici nella tua cucina, aiutandoti a trovare l'equilibrio che stai cercando in base al tuo stile di vita
5
Balay 3EB714XR piano cottura Nero Incasso Ceramica
  • Tre zone in vetroceramica. Con la zona semi-gigante di 24 cm potrai invitare i tuoi amici a provare le tue migliori ricette.
  • Cucina comodamente con il controllo tattile di facile utilizzo e le sue utili funzioni: memoria, avvio automatico, allarme…
  • Con la funzione di programmazione è impossibile che ti dispendi. Riso al suo punto e pasta al dente.
  • 17 livelli di cottura in ogni zona.
  • Funzione di sicurezza per bambini con opzione di blocco permanente o temporanea.
6
Balay 3EB714XR piano cottura Nero Incasso Ceramica
  • Tre zone in vetroceramica. Con la zona semi-gigante di 24 cm potrai invitare i tuoi amici a provare le tue migliori ricette.
  • Cucina comodamente con il controllo tattile di facile utilizzo e le sue utili funzioni: memoria, avvio automatico, allarme…
  • Con la funzione di programmazione è impossibile che ti dispendi. Riso al suo punto e pasta al dente.
  • 17 livelli di cottura in ogni zona.
  • Funzione di sicurezza per bambini con opzione di blocco permanente o temporanea.

Come funziona un piano cottura in vetroceramica?

Qui, di seguito ti forniamo alcune indicazioni di base molto utili per imparare a utilizzare il piano cottura in vetroceramica.

  1. Accendi il piano cottura: clicca sul pulsante di accensione e seleziona la piastra di cottura che desideri utilizzare.
  2. Scegli il livello di temperatura: a seconda dell’alimento che desideri cuocere, scegli la giusta temperatura.
  3. Utilizza la funzione Sprint: se si desidera riscaldare più velocemente, si consiglia di utilizzare questa funzione.
  4. Impostare il timer: questa funzione è ideale per controllare il tempo di cottura, di modo che si spenga al termine.
  5. Utilizza pentole con una ferromagnetica: le pentole di questo materiale permettono un’ottima conduzione del calore.

Vantaggi dell’utilizzo di un piano cottura in vetroceramica

I piani cottura in vetroceramica o induzione portano la tecnologia nella tua cucina, per offrirti comfort e sicurezza. Le sue caratteristiche principali sono esposte qui in basso.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di un piano cottura in vetroceramica? I suoi vantaggi sono:

  1. Risparmio energetico. Grazie alla sua funzione di riscaldamento rapido.
  2. Versatilità. Cuoce con ogni tipo di pentola e padella indipendentemente dalle dimensioni.
  3. Sono molto sicuri. Puoi programmare lo spegnimento; dispongono di blocchi di sicurezza per bambini e segnale di calore residuo.
  4. Sono facili da pulire. La funzione timer riduce il rischio di fuoriuscite di cibo dalla pentola e cibo bruciato sulla piastra.

Che cos’è una piastra in vetroceramica?

Si tratta di un sistema di cottura costituito da una piattaforma di vetro che si trova situata tra la fonte di calore e il contenitore da riscaldare. Questo innovativo sistema permette una cottura più efficiente e precisa.

Come funziona una piastra in vetroceramica?

La sua piastra in ceramica liscia, oltre ad avere una grande resistenza al calore, ha una capacità di trasmissione rapida del calore. La superficie del vetro vanta da due a quattro resistenze circolari con la funzione di riscaldare.

Attraverso l’elettricità, le resistenze vengono riscaldate e iniziano a trasmettere calore lungo la superficie, proprio dove verrà posizionata la pentola o qualsiasi altro contenitore che si voglia riscaldare. I piani cottura in vetroceramica sono illuminati da un pulsante tattile che può regolarne la potenza.

Tipologie di piani cottura in vetroceramica

Dal momento in cui questa nuova tecnologia è stata introdotta sul mercato, molte sono state le domande dei consumatori al momento dell’acquisto. Una delle numerose perplessità riguarda le differenti piastre disponibili:

Vetroceramica radiante

È deifinita in questo modo per la sua impressionate diffusione del calore verso tutto ciò che la circonda. La resistenza agisce aumentando la temperatura ed estendendola all’esterno a contatto diretto con la piastra. Uno dei vantaggi è che potrà essere adoperata qualsiasi pentola o contenitore.

Vetroceramica a induzione

Il funzionamento di questo tipo di piastra è molto diverso dal precedente. Le bobine all’interno non contengono calore, ma generano invece elettromagnetismo.

Questa funzione permette di riscaldare solo i contenitori appositamente progettati per questa funzione, dovranno essere dunque composti di materiale ferromagnetico, e non sarà possibile adoperare qualsiasi tipo di contenitore. Un contenitore idoneo poggiato sulla piastra, entrerà in contatto con quel campo elettromagnetico, che produrrà una corrente generatrice di calore, rendendo quel sistema efficace, veloce e sicuro.

Piano cottura alogeno in vetroceramica

Il sistema funziona mediante lampade alogene, che sono in grado di generare rapidamente calore in combinazione con resistori “Hi-light”.

Come distinguere un piano cottura in vetroceramica da un piano cottura a induzione?

A prima vista, queste due piastre sembrano uguali, ma non devono essere confuse, poiché ognuna ha determinate caratteristiche che le rendono diverse l’una dall’altra.

Differenze tra vetroceramica e induzione

Cucinare con queste due piastre non è la stessa cosa, dunque per sapere quale tipologia di piastra possiedi, potrai consultare il manuale per verificare le caratteristiche.

I piani cottura in vetroceramica hanno resistori che trasmettono la corrente elettrica in grado di generare il calore necessario a riscaldare il cibo, mentre con un piano a induzione la procedura è diversa, dal momento che le bobine sono le responsabili della formazione di un campo elettromagnetico capace di riscaldare qualsiasi contenitore che si trovi poggiato sulla superficie.

Simboli che identificano le piastre in vetroceramica e le piastre a induzione

In basso, potrai verificare i simboli indicativi apposti dal produttore. Sono parecchio specifici, e indicano anche se si tratta di vitro, induzione, gas o elettrico.

Quanto consuma un piano cottura elettrico in vetroceramica?

In generale, il consumo della tua piastra è circa 825 w/h, simile al consumo di un forno a microonde. Il dispendio energetico è persino maggiore di quello dell’induzione, a causa dell’elevata irradiazione che emette.

Installazione del piano cottura in ceramica

Vuoi sostituire il piano cottura convenzionale con un piano cottura in vetroceramica? Prima di procedere, sarà necessario prendere in considerazione i seguenti passaggi per la sua installazione:

  1. Rimuovere la vecchia piastra: se è fissata, le viti che si trovano all’interno del telaio dovranno essere allentate.
  2. Inserire la nuova piastra: andrà anch’essa fissata con le viti, tuttavia se la piastra è più larga della precedente, sarà necessario allargare il foro nel piano di lavoro in modo che possa adattarsi perfettamente. Qualora, al contrario, fosse più piccola, allora dovrai coprire i fori.
  3. Impermeabilizza le aperture sul piano cottura: per questa operazione sarà necessario utilizzare del silicone trasparente, stendendolo con una spatola o, in alternative, con le dita inumidite.
  4. Fissare i morsetti: terranno stabile la piastra e dovranno coincidere con le scanalature. Andranno avvitati sotto ai fori.
  5. Montare il corpo della cucina: per fare ciò, sarà necessario ripristinare i collegamenti.
  6. Installare il filo: da terra.
  7. Centralizza la cucina: posizionala correttamente, di modo che alla fine le viti si trovino in posizione corretta.

Regolare un piano cottura in vetroceramica

Quelli disponibili sul mercato sono dotati di un pannello di controllo incluso, nonché di un sistema che permette di regolare i diversi livelli di potenza, mediante una tastiera tattile incorporata.

La tastiera dispone di un regolatore antincendio, funzione acceso/spento e il livello di ciascuna potenza. Alcune includono anche un sistema di bloccaggio della piastra e persino di un timer. Questa funzione farà risparmiare tempo e offrirà versatilità di utilizzo.

Come evitare danni al piano cottura in vetroceramica?

Prima di pulirlo, sarà necessario disporre delle nozioni adeguate riguardo la sua manutenzione, in modo tale da evitare incidenti che possano dabbeggiare il dispositivo.

Fai attenzione ai contenitori

Prima di tutto, prima di iniziare a cucinare, dovrai assicurarti che non vi siano residui sulla base della piastra, perché in caso di riscaldamento potrebbe danneggiare il dispositivo. Inoltre, non dovrai mai riscaldare un contenitore vuoto, in quanto questa operazione potrebbe causare un incendio. Le pentole roventi non andranno mai collocate sulla cornice decorativa, in quanto il design decorativo della piastra potrebbe subire delle modifiche.

Attenzione al sale e allo zucchero

Sia il sale che lo zucchero sono elementi aggressivi per la piastra, quindi sarà necessario prestare particolare attenzione quando li si adopera, assicurandosi che non si rovescino sulla superficie. Se ciò dovesse accadere, andranno tolti dalla superfiecie immediatamente.

Oggetti appuntiti

Le piastre sono di solito molto delicate e suscettibili alla rottura in caso di caduta di oggetti pesanti o taglienti. Pertanto, sarà necessario evitare di posizionare questa tipologia di oggetti sugli scaffali in alto che si trovano nella parte superiore della piastra, in modo tale che non si verifichino tali incidenti.

Materie plastiche e fogli di alluminio

Evitare di posizionare oggetti con queste componenti è fondamentale. La plastica si scioglie facilmente, mentre l’alluminio diventa così caldo da causare gravi ustioni e, qualora la temperatura fosse molto elevata, potrebbero persino bruciare.

In caso di danni alla superficie del piano cottura elettrico

Eventuali danni al piano cottura non gli impediranno di funzionare regolarmente, tuttavia ne degraderà il design:

  • Potrebbero formarsi croste: generalmente accade quando si versa qualsiasi liquido che contenga condimenti come lo zucchero.
  • Graffi: potrebbe accadere in caso di pentole o padelle con una base irregolare o in caso di pulizia inadeguata, con materiali taglienti.
  • Decolorazione: sfregando o strofinando con materiali non adeguati il design della piastra potrebbe scolorirsi.

Come pulire il piano cottura in vetroceramica?

Affinché le piastre durino e funzionino adeguatamente nel tempo, sarà necessario eseguire pulizia e manutenzione adeguate:

  1. Eliminare lo sporco: con l’aiuto di una spatola, sarà necessario rimuovere il grasso che si trova sulla piastra.
  2. Usa un prodotto detergente: applica alcune gocce di un prodotto idoneo a tale operazione. È importante ricordare che la superficie deve essere fredda. Strofinare delicatamente con un panno pulito e asciutto o carta assorbente da cucina.
  3. Rimuovere il prodotto: rimuovi i residui aiutandoti con un panno e termina con un panno asciutto.

Altre raccomandazioni per la pulizia

Il piano di cottura dovrà essere pulito regolarmente, dopo l’utilizzo, per evitare che grasso e altra sporcizia penetrino nella superficie, causando danni. Se è già presente dello sporco, potrai riscaldare la piastra, e quindi rimuovere lo sporco con una spatola.

Non utilizzare spugne abrasive, in quanto potrebbe graffiate il vetro. Nel caso in cui si debbano cuocere dolci, con un alto livello di zucchero, sarà necessario applicare un prodotto protettivo sulla piastra prima di accenderla. Allo stesso modo, l’uso di prodotti che risultino molto abrasivi andrebbe evitato.

Quali prodotti possono essere utilizzati per la pulizia di piastre in vetroceramica?

La cucina è la stanza principale della casa, quindi dovrà essere sempre impeccabile, per questo motivo, la pulizia è essenziale.

Liquidi o creme

Dovrebbero avere un aspetto viscoso, di colore bianco. Sono appositamente realizzati per offrire lucentezza e protezione al vetro della superficie. Alcuni produttori vendono separatamente questi prodotti, di modo che sia il consumatore a scegliere quale sia idoneo per il suo caso.

Spatole

È uno strumento di pulizia utile a rimuovere efficacemente lo sporco o le croste sul vetro della piastra, senza graffiarlo.

Pietra verde

È un prodotto ecologico, noto anche come “pietra argillosa”. Può essere acquistato in qualsiasi negozio fisico o online e, a sua volta, può essere prodotto in casa, adoperando argilla, sapone e un aroma a piacere. Per usarlo, basta inumidire un panno con questo prodotto e pulire. Si tratta di un’alternativa ecologica per pulire il vetro e qualsiasi altro oggetto della casa.

Come si può riparare un piano cottura in vetroceramica?

Non scalda come prima? Se così fosse, dovrai onsultare il manuale di istruzioni allegato, per verificare le possibili cause del problema; nel libretto potrai trovare le istruzioni per risolvere le problematiche più frequenti. Se non riesci a individuare il problema, sarà meglio contattare un tecnico professionista in modo che possa risolvere il problema.

Posso utilizzare qualsiasi padella su un piano cottura elettrico?

La risposta è no. Per questei piani cottura, è necessario utilizzare un tipo specifico di padella. Sarà necessaria una padella idonea per la piastra, di modo che il calore sia distribuito uniformemente al suo interno, per una cottura uniforme.

Dovrà trattenere il calore per molto più tempo rispetto alle altre pentole, anche quando la piastra sia spenta. Ciò assicurerà che il cibo continui a cuocere anche a piastra spenta. Alcune pentole sono antiaderenti.

Come so se una padella o un contenitore è idoneo?

È davvero molto semplice. All’esterno, sul fondo, riporta un simbolo che ti indica che quella pentola può essere utilizzata su questo tipo di piano cottura. Il simbolo riporta una spirale o due cerchi uno dentro l’altro.

Conclusioni

In sintesi, per scegliere il miglior piano cottura per la tua cucina, è necessario analizzare attentamente le sue caratteristiche, i vantaggi che ciascun marchio offre e, soprattutto, il consumo che genererà, dal momento che tutto ciò si rifletterà nella tua bolletta sul consumo elettrico. Questo è il motivo per il quale, prima dell’acquisto bisogna porsi alcune domande e seguire le indicazioni sopra esposte, in modo tale da fugare qualsiasi dubbio.

Allo stesso tempo, verifica sempre quali siano i prodotti speciali per la pulizia e la manutenzione della piastra e quali contenitori vadano adoperati.

Leave a Comment